Skip to content

Piccoli talenti crescono

Come alcuni dei miei amici sanno, da qualche giorno ho avuto una piccola supplenza all’IIS “Pentasuglia” di Matera. Insegno Informatica nel triennio.

Attraverso questa supplenza, sto conoscendo circa 80 ragazzi tra i 16 e i 19 anni, davvero una bella esperienza umana e professionale, che mi consente di arricchirmi molto come persona, come formatore e come professionista.

Oggi, per esempio, durante le ore di laboratorio in quinta, mi sono fermato a parlare un po’ con Nicola, un ragazzo che alla prima interrogazione e con i primi interventi ha già dimostrato, a soli 17 anni, di avere la testa sulle spalle.

Lui aveva finito l’esercitazione con il mio collega e, dopo avermi fatto alcune domande scolastiche, gli ho chiesto che dimestichezza avesse con il web.

“In che senso, professore?” mi ha chiesto lui.

“Non so, te la cavi con i CMS?”

“No prof., con i CMS no. Me la cavo con lo streaming”

Ora, per ragioni lavorative ho a che fare con tanti professionisti in quel settore ma, devo dire, sentendo parlare questo giovane virgulto non ho notato una minore competenza tecnica rispetto agli amici che lavorano per la RAI, per SKY (non per sentito dire, ci ho lavorato assieme, so come lavorano) o altri ma anzi, nell’analisi tecnica di alcune problematiche l’ho trovato addirittura maniacale. Sono rimasto per circa un’ora ad ascoltarlo, in silenzio, facendo domande non per metterlo in difficoltà (non ne sarei stato in grado) ma per “rubare” una piccola parte di competenza e, devo dire, ho trovato risposta a molte delle questioni che si sono poste nel corso degli anni di professioni, dalle più semplici alle più articolate.

Per darvi un’idea di quello che questo ragazzo fa, vorrei che guardaste questi video, realizzati da lui e, eventualmente, da suoi amici (il primo è una ripresa a cinque telecamere con regia) e poi, per favore, vorrei sentire cosa ne pensate.

Guardate anche quest’altro video, realizzato sempre da Nicola, mandato in streaming con sottotitoli in tempo reale attraverso il mixer.

Ultimo ma non ultimo, guardate questo video di 45 secondi, la cui idea grafica è interamente a carico dei ragazzi, scelto come sigla per una festa patronale.

A parte la mia opinione, che lascia il tempo che trova, vi invito a leggere l’articolo che la Blackmagic, società dalla quale Nicola ha comprato parte dell’hardware, gli dedica proprio a proposito di questo evento: San Rocco Live 2014.

In conclusione, io spero che quel poco che gli rimane da fare di Scuola Superiore e l’Università (che mi auguro Nicola decida di frequentare) sappiano valorizzare questa ed altre eccellenze che abbiamo non tra i giovani ma tra i giovanissimi.

E sfido chiunque, dopo aver visto quanto vi ho mostrato, a chiamarli bamboccioni..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

10 − 1 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.